Il sonno e la salute si può dire che vadano di pari passo, poiché da un buon riposo dipende una buona qualità della vita.  L’elemento più importante che assicura un buon riposo è il materasso, saperlo scegliere significa prevenire o curare determinate fastidi o addirittura patologie. In questo quadro il costo del materasso non è quello che deve guidare la selezione, semmai occorre sapere individuare bene, le caratteristiche che rispondono meglio al nostro modo di risposare per generare benessere e salute.

Indice – Tavola dei contenuti:

  • Che relazione c’è tra materasso e salute?
  • Elementi da tenere in considerazione per un materasso che si preoccupa della salute
  • Le caratteristiche dei materassi che ci mantengono in salute
  • Conclusioni finali

Che relazione c’è tra materasso e salute?

Spesso accade che nell’acquisto dell’arredamento della casa il materasso sia incluso con il letto,  magari è stato ricevuto in seguito ad un regalo. In un modo o nell’altro la nostra attenzione si è focalizzata sul design e non sulla qualità del materasso. Si può decidere di risparmiare su tante cose ma non sulla salute e quindi nemmeno sul materasso. Un materasso economico può essere foriero di malanni di vario genere.

A tutti è capitato di alzarsi la mattina ed avere la sensazione che la notte non sia stata delle migliori. Se capita una volta ogni tanto può trattarsi di un singolo episodio, ma se succede spesso significa che il supporto che dovrebbe garantire il buon riposo, in realtà lo sta guastando. Per questo motivo può arrivare il momento in cui si debba scegliere un nuovo materasso. Essendo una cosa importante occorre dedicarci attenzione e comportarsi come se si stesse acquistando il bene più importante per garantire salute e benessere.

Nevralgie varie, mal di schiena, formicolio e crampi possono essere messi in diretta relazione con lo stato del materasso.

Elementi da tenere in considerazione per un materasso che si preoccupa della salute

Bisogna prendere in considerazione, nel selezionare i materassi online che si preoccupano di agevolare la fase del sonno, alcuni elementi che riguardano espressamente fattori soggettivi:

  • il primo elemento da tenere in considerazione è sicuramente la propria corporatura, vale a dire la struttura corporea e soprattutto il peso;
  • le abitudini nel dormire che riguardano le posizioni preferite durante il sonno;
  • la qualità dei materiali e la tecnologia di fabbricazione del materasso.

È fondamentale rendersi conto che si passa un terzo della propria vita sopra un materasso, basta solo questo elemento per capire quale sia la sua importanza. Nonostante la sua centralità, si è poco consapevoli del fatto che un materasso dopo un certo numero di anni perde le sue qualità di elasticità e resistenza.

Normalmente l’obsolescenza risulta evidente attraverso una attenta osservazione. Dopo qualche anno di utilizzo si formano delle piccole zone di decompressione, oppure degli avvallamenti, è il segnale che la qualità del sonno è in pericolo e con essa anche la salute.

I migliori materassi in commercio sono in grado di assicurare la corretta postura della colonna vertebrale, e in questo modo può previene il classico mal di schiena, causato da uno sforzo muscolare della schiena, intenta a trovare la postura corretta.

Per assicurare la corretta posizione durante il sonno si fa riferimento ai materassi ortopedici, più modernamente chiamato ergonomici. Non bisogna confonderlo con materassi rigidi a priori poiché questa interpretazione appartiene ormai al passato in cui non c’erano altre soluzioni rispetto ai materassi a molle semplici.

Un altro elemento da non sottovalutare è che un materasso che non ha una buona risposta elastica, crea dei punti di pressione che influiscono sulla circolazione sanguigna. Questo difetto del materasso si concretizza in crampi agli arti durante la notte, oppure formicolii a braccia e gambe al nostro risveglio.

Le caratteristiche dei materassi che ci mantengono in salute

I materiali anallergici e anti acaro ormai sono diventati un must in qualsiasi tipo di materasso. Quelli in lattice naturale si prestano ad eliminare qualsiasi pericolo di allergie. Una caratteristica molto importante è la traspirazione, per evitare problemi di umidità e muffa.

E’ sempre consigliato osservare il proprio materasso in vari punti, per cercare delle zone dove eventualmente la colorazione è differente. L’indicazione di scarsa traspirazione si scopre in questo modo.

Un problema frequente che si riscontra con un materasso non più adeguato a sostenere la colonna vertebrale, è il cedimento della zona perimetrale. La struttura di qualità si vede anche da questi particolari e sicuramente un bordo che cede, è indicativo del tipo di scheletro del materasso.

I materassi in memory foam, oppure i materassi in lattice si decomprimono con il peso, per poi riacquisire la loro forma originaria, non appena il peso cessa di gravare. Per determinate zone la risposta è più rapida, mentre in altre meno, ciò perché il corpo ha una diversa distribuzione dei pesi. Una caratteristica che fa bene alla salute è quindi quella che prevede una elasticità graduata e diversificata per le diverse zone del corpo.

Nei materassi in schiuma memory foam ce ne possono essere da 3 a 11 a secondo del livello di qualità che si desidera. Nei materassi a molle insacchettate, la risposta elastica è differenziata dal numero di molle, e dalla loro forza di compressione.

Un materasso matrimoniale destinato ad una coppia il cui peso tra l’uno e l’altro differisce di parecchio, dovrà scegliere una soluzione personalizzata che preveda delle zone più o meno rigide in funzione del peso da accogliere.

Una caratteristica che può avere un impatto sulla salute è il rivestimento del materasso. Alcuni materiali risultano termoregolatori, tipicamente il memory foam. Occorre fare attenzione se si usano coperte elettriche poiché il materiale sintetico di cui sono fatti i memory foam, oltre una certa temperatura (circa 35 gradi), reagiscono male.

Conclusioni finali

Il materasso è un presidio di salute, e come tale va selezionato in maniera molto oculata e senza anteporre una visione meramente economica. Il materasso economico può far male e per questo motivo bisogna concentrarsi sulle caratteristiche singole e soggettive.

Se si è soggetti ad allergie, è quella la caratteristica da soddisfare, se si soffre di dolori lombari allora ci si concentrerà sull’acquisto di un materasso a media rigidità multi-zona. Se invece abbiamo la sensazione di riposare male al punto da sentirci stanchi e spossati, probabilmente quello che stiamo usando è un materasso che esercita troppa pressione su alcune parti del carpo al punto da incidere sulla pressione arteriosa.

L’elemento economico deve venire necessariamente dopo.